We use cookies to ensure the best possible browsing experience on our website. By clicking OK, you consent to our use of cookies. Click here to read more about our cookie policy. 

Xenon

KOMPONIST: Filippo Ledda
VERLAG: Scomegna
PRODUKTFORMAT: Partitur und Stimmen
INSTRUMENT GROUP: Blasorchester
Elemento chimico della Tavola Periodica degli Elementi, lo Xenon fa parte del gruppo dei Gas Nobili. È incolore, inodore e decisamente più pesante dell’aria. In un tubo riempito di gas, emette una luce molto intensa quando eccitato con una scarica elettrica, per cui viene utilizzato per la
130,77 €
inkl. MwSt.
Auf Bestellung
Gewöhnlich versandfertig in 14 Tagen
Dieses Produkt ist im Moment leider nicht verfügbar.
Not available in your region.
Spezifikationen
Komponist Filippo Ledda
Verlag Scomegna
Instrumentierung Blasorchester
Grade of Difficulty Band Grade 3,5
Produktformat Partitur und Stimmen
Instrument Group Blasorchester
Erscheinungsjahr 2021
Genre Konzertwerk
No. SCOESB159121A
Release Date 26.11.2021
Beschreibung
Elemento chimico della Tavola Periodica degli Elementi, lo Xenon fa parte del gruppo dei Gas Nobili. È incolore, inodore e decisamente più pesante dell’aria. In un tubo riempito di gas, emette una luce molto intensa quando eccitato con una scarica elettrica, per cui viene utilizzato per la realizzazione di lampade e dispositivi luminosi. Il brano, diviso in sette sezioni che si susseguono senza soluzione di continuità, descrive un viaggio immaginario che percorre diametralmente l’interno di un atomo di xenon. La prima sezione (On the Edge of Nowhere), partendo dal presupposto che l’atomo è una struttura al 99,9% vuota, descrive una realtà non solo impercepibile dall’occhio umano ma anche non facilmente razionalizzabile, così la sottile linea che separa il “nulla” dalla materia visibile è rappresentata da un assolo di sax contralto. La seconda e la sesta sezione (Electrons) descrivono la nuvola di elettroni che turbina vorticosamente attorno al nucleo dell’atomo. I temi musicali qui si rincorrono e si scontrano; la ritmica delle percussioni, perlopiù metalliche, simula questo moto perpetuo. La terza e la quinta sezione (Luminescence) descrivono la zona di quiete tra gli elettroni e il nucleo. Tutto è avvolto da una luce bianca, simile a quella del sole; è un momento di stasi, ma solo apparente: la calma durerà poco. La sezione centrale (Core) è il nucleo del brano. La parte più interna dell’atomo è anche la più densa: percussioni martellanti, riff solidi, armonie sature, vogliono rappresentare la sua natura stabile e dinamica al tempo stesso. Infine, l’ultima sezione (On the Edge of Everything) rappresenta la conclusione del viaggio: l’uscita al di fuori dall’atomo di xenon con la consapevolezza, stavolta, che la materia visibile è soltanto la miliardesima parte della realtà, tutto il resto è energia. L’assolo di sax, che riappare nelle ultime battute del brano, assume ora un diverso significato: cos’è “nulla” e cos’è “tutto”? La fine di questo viaggio immaginario, è veramente una fine? Xenon è la terza composizione della serie che l’autore sta dedicando ai Gas Nobili.
    Laden
    Laden